Un progetto nato con i sordi e per i sordi

«Le nostre strade si sono incrociate nel 2014 durante il Contamination Lab di Cagliari (un percorso formativo dedicato all’innovazione) quando insieme abbiamo deciso di realizzare il suo desiderio e da allora non ci siamo mai più divisi!

Alessandra è figlia di genitori sordi e dunque conosce profondamente quali sono le difficoltà e i limiti che la sordità presenta nella vita di tutti i giorni.

Dal nostro scambio di esperienze e idee abbiamo dato vita a IntendiMe, fondando un’azienda con l’obiettivo di creare una soluzione che migliorasse la quotidianità delle persone sorde.  Dopo anni di studio, lavoro, fatica e grazie alla fiducia di tanti abbiamo sviluppato e brevettato KitMe l’innovativo sistema di rilevazione dei suoni che ti avvisa in tempo reale di tutti i suoni che ti circondano.

Per noi IntendiMe rappresenta l’incontro di tre intelligenze, ma soprattutto l’incontro dei nostri tre cuori perché abbiamo modellato la nostre vite in funzione di questo progetto ambizioso in cui abbiamo creduto fin dal primo momento con entusiasmo, passione e totale dedizione. Lo stesso entusiasmo che ci ha accompagnato fin dall’inizio, ha contagiato tutte le persone che collaborano con noi e che condividono i nostri valori: primo fra tutti Leonardo Buffetti, ingegnere sordo che ha contribuito alla nascita del progetto.

Il nostro prezioso team è composto da persone udenti e persone sorde, che si impegnano a soddisfare le necessità di chi, ogni giorno, si interfaccia con le difficoltà della sordità.

Crediamo fortemente nell’inclusione sociale, nell’uguaglianza e nell’accessibilità. Ogni giorno modelliamo la nostra azienda affinché possa creare un impatto positivo nella vita dei nostri clienti e nella vita dei nostri collaboratori.»

I fondatori di IntendiMe
Alessandra, Giorgia e Antonio