A scuola di magia… in LIS!

da Mar 30, 2021Intrattenimento

La 1° Scuola di Magia e Stregoneria, ispirata alla famosa saga di Harry Potter, si è conclusa. Adesso è come se ci fosse una piccola pausa estiva, gli studenti sono tornati a casa, ma torneranno a Hogwarts molto presto. La 2° edizione della Scuola di Magia è in preparazione.

L’idea nasce dall’ingegno del giovane Davide Mantovani, modenese ma bolognese di adozione, grafico e illustratore.

Davide, come è nato il tuo progetto?

Sono un appassionato di Harry Potter: ho divorato i libri, visto tutti i film e dispongo di vari giochi da tavola. Su youtube seguivo un gruppo di ragazzi sordi inglesi, che segnavano nella lingua dei segni inglese (BSL) e americana (ASL). Ad un certo punto hanno iniziato coi segni nome di Harry Potter, poi a tradurre le casate. Da lì mi si è accesa la lampadina. Ho iniziato a tradurre termini come “Wingardium Leviosa” e altri segni nome come “Sirius Black”, poi mi son detto: perché non creare la 1° scuola di magia in LIS?

Come mai in LIS?

Prima del lockdown sono diventato interprete LIS, dopo un percorso in una scuola riconosciuta di Bologna. L’ho studiata per passione personale. Sono udente, non mi ero mai approcciato al mondo della sordità fino a quando ho scoperto che la mia coinquilina aveva entrambi i genitori sordi. Quando li ho visti segnare me ne sono innamorato e ho iniziato a studiarla. Lo faccio anche per capire cosa poter fare dal punto di vista grafico. La 1° scuola di magia in LIS è andata così bene che sto programmando il 2° anno. 

carmelo. rodolfo mazzamuto

Chi sono stati i primi studenti della Scuola?

Sia sordi sia udenti interessati alla LIS. Ho iniziato a pubblicizzarla, con una premessa: si partecipava tramite iscrizione, poi con un test venivano indirizzati nella casa di appartenenza, proprio come a Hogwarts! In tutto hanno partecipato 24 persone. Le lezioni con compiti a casa prevedevano: imparare incantesimi, segni nome, e tramite gli esercizi davo punti alle case. Adesso, parallelamente, sto lavorando su un’altra fortunata serie: Animali fantastici.

 Perché ti appassiona la LIS e cosa hai imparato dai tuoi amici sordi?

La LIS mi appassiona perche ci sono tanti fattori nella comunicazione che non vengono presi in considerazione nella lingua parlata, come l’espressione per esempio. I sordi sono estremamente espressivi, è una cosa che mi piace molto. Poi la LIS ha un valore sociale e per questo voglio usarla nel mio lavoro. Mi piacerebbe lavorare coi bambini e fare dei corsi di sensibilizzazione.

Della sordità ho capito che è tutto un altro mondo, si comunica in un’altra maniera, è una cultura specifica. Un mondo tutto da scoprire e (in)segnare!

 

Interessati a seguire la Scuola di Magia? Davide è su Instagram come @davidemantovanilis.

carmelo. rodolfo mazzamuto